Italian Blog

Martin Gore racconta Ssss di VCMG e il nuovo progetto dei Depeche Mode

Martin L. Gore, dopo essersi occupato con soddisfazione di VCMG, si butta a capofitto sul progetto Depeche Mode dicendo che per il momento non potrà occuparsi di altro che non riguardi la band almeno fino al 2014.

Martin Gore, in un ennesima intervista, questa volta per SPIN, parla del suo lavoro con Vince Clarke, (ex Depeche Mode) “Ssss” album di debutto del duo Clarke/Gore meglio noti, in questo caso, come VCMG (Vince Clarke e Martin Gore).  Timidi accenni riguardo il nuovo album dei Depeche Mode, tour e promozione.

D: E’ stato strano tornare a lavorare con Vince Clarke dopo 30 anni?
R: «In realtà no. Vince mi invio una mail dove mi proponeva una collaborazione con lui. Non ci siamo tenuti molto in contatto in questi ultimi 30 anni. Mi disse che tutto il progetto non avrebbe messo pressioni a nessuno dei due, nessuna scadenza, tutto molto free. L’idea era quella di realizzare un album techno, questa è una cosa che mi ha interessato da sempre, così ho deciso di accettare. E’ stata un esperienza molto piacevole

D: I produttori techno nel corso degli anni sono stati molto influenzati dai Depeche Mode, mentre tu ci hai messo del tempo prima di iniziare a produrre questo genere. Sembra quasi un evoluzione naturale.
R: «Si, hai ragione, lo credo anche io. In realtà sarebbe potuto accadere un pò prima, ma credo che la tempistica sia stata perfetta per me e per Vince. Quando ho ricevuto questa mail da lui, avevo appena terminato il tour con i Depeche Mode, abbiamo avuto una lunga pausa e solo ora ci stiamo accingendo a rientrare in studio per il nuovo album. Quello che voglio dire è che ho iniziato a scrivere i brani per la band solo dopo aver terminato con VCMG. Per quanto riguarda i Depeche lavoreremo ai brani per gran parte di quest’anno, se Vince mi avesse inviato una email in questo periodo, non avrei potuto dare la mia disponibilità per ovvi motivi. Quindi la tempistica di tutto è stata perfetta.»

D: E’ stato difficile instaurare un certo ritmo e clima lavorativo pur non essendo così a stretto contatto con Vince?
R: «Penso che il processo reale che abbiamo adottato ha reso molto più facile tutto il lavoro. Non siamo mai stati nella stessa stanza, ci scambiavamo solo file avanti e indietro. Stavamo lavorando senza avere a che fare l’uno con l’altro se non per la ricezione dei file, fino a quando ci siamo resi conto che i brani erano pronti

D: C’è stata una qualche divisione del lavoro, tipo, uno che si è occupato di una determinata cosa e l’altro di un altra?
R: «Non credo si possa effettivamente dire che ci sia stato un ruolo specifico per ogniuno. Abbiamo fatto tutto ciò che sentivamo necessario per la realizzazione dei brani.»

D: Le tracce dell’album sono molto lineari e scultoree. molta attenzione rivolta al sound design. Che tipo di tecniche e attrezzi sono stati utilizzati?
R: «Siccome abbiamo lavorato separatamente, non so cosa Vince abbia usato. Io ho usato modulatore Eurorack, roba analogica di vecchia annata. Uso molto hardware, sono un Eurorack dipendente al momento. Tutte cose che provengono dal mio studio, sto tirando fuori una ad una tutte le mie tastiere. E’ difficile specificare un particolare modulo perchè ho letteralmente creato una sorta di mostro nel mio studio. Ora, più o meno, posso dire che l’80% dei suoni che faccio li tiro fuori da vari moduli di sistema.»

D: Sento dire spesso che un modular synthesis è qualcosa di abbastanza coinvolgente
R: «Di recente ho visto un documentario “I Dream of Wires“. Mi sono relazionato con molte delle cose che dicevano, quando parlavano di una sorta di dipendenza. Ho anche visto, su YouTube, un intervista molto divertente a Adrian Utley dei Portishead in cui parla della sua “dipendenza”… ha detto che è un pò come il crack.»

D: Mentre lavoravi alle tracce per VCMG, ti è capitato di testare alcune versioni nei Club durante i tuoi DJ set?
R: «No, penso che non siamo poi così intelligenti [ride] Avevamo appena iniziato a lavorare su alcune tracce ed eravamo felici così. Durante un DJ set a Natale ho testato un paio di brani, ma a parte questo, non le abbiamo suonate in nessun altra occasione. In realtà abbiamo ceduto un brano ad Andy Fletcher, che lo scorso anno si è esibito in diversi DJ set, quindi a un certo punto gli abbiamo passato il brano in modo che potesse suonarlo in giro.»

D: Trovi strano il fatto che, pur non essendo più giovanissimo, tu abbia a che fare con un genere come la techno?
R: «No. Ho appena compiuto 50 anni, ma non mi sento vecchio. Forse c’è qualcosa di strano in me, forse è qualcosa che ha a che fare con me in quanto musicista e membro di una band. In qualche modo non mi sento differente mentalmente, forse un pò fisicamente ma mentalmente non mi sento affatto diverso a 20 anni fà.»

D: Sono un grande fan del tuo “Counterfeit”. Farai ancora qualcosa del genere, continuerai a creare materiale come solista?
R: «Oh, grazie. Sono in procinto di intraprendere questo progetto con i Depeche, che probabilmente mi terrà impegnato fino al 2014…dal momento in cui finiremo di lavorare la parte musicale, ci sarà la promozione dell’album e il tour. Per me è difficile pianificare altro al momento

D: Suppongo che, mentre lavori al nuovo album dei Depeche Mode, tu non abbia la possibilità di tornare spesso a casa e dedicarti alle tue cose come creare la tua musica.
R: [ride] «No! ci vado di tanto in tanto, ad esempio, per dormire.»

D: Puoi dirci qualcosa riguardo l’album?
R: «E’ troppo presto per parlarne, ma penso che sia stato positivo fare qualcosa di diverso come con VCMG. A parte il fatto che è stato un processo molto divertente, è stata una pausa positiva per staccare da ciò che faccio abitualmente, scrivere canzoni. Quando sei lontano da ciò che fai abitualmente, per fare qualcosa di diverso, e dopo torni di nuovo a creare canzoni, parole e ciò che si è abituati a fare solitamente, ti da delle sensazioni molto belle, positive.»

Ssss sara disponibile dal prossimo 13 marzo. Potete ordinarlo qui. Per ascoltare in anteprima i 10 brani completi di Ssss potete farlo qui


  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, sia in formato cartaceo sia telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...