Italian Blog

Archivio per giugno, 2013

Collezione PE 2014 Costume National: un Personal Jesus in passerella

“Personal Jesus” dei Depeche Mode è la canzone che apre lo show di Costume National, canzone  alla quale Ennio Capasa, direttore creativo del brand, si ispira per disegnare la nuova collezione maschile Primavera/Estate 2014.
«I Depeche Mode mi hanno chiesto di collaborare qualche mese fa, e mi è venuta l’idea di questo progetto che si chiama I-Cowboy, perché il cowboy è un uomo di frontiera, è un uomo libero che cerca una nuova dimensione e credo che questo sia un momento di ricerca e di grandi cambiamenti», così lo stilista spiega il mood della nuova collezione.
Partendo dalla consueta sartorialità tradizionale, l’uomo di Costume National gioca a fare il cowboy, con dettagli iconici quali il cappello, le frange e ancora pantaloni skinny e biker in pelle taglio vivo per creare un outfit completo.
Le scarpe sono invece morbide e destrutturate in pelle bottalata, crosta scamosciata o laminate oro.
«Un punto importante sono gli accessori – aggiunge Capasa-, dove noi italiani siamo maestri indiscussi a livello mondiale. Dobbiamo essere fieri di queste eccellenze perché il Made in Italy riesce ad interpretare la qualità come nessun altro paese al mondo e io quando parlo di questi accessori un po’ mi commuovo perché c’è un lavoro e una conoscenza e una storia tramandata che non bisogna perdere».

Peccato solo che la scelta sia ricaduta su una cover, seppur di Johnny Cash, al posto dell’originale Personal Jesus.

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.


“Good evening Pasadena!” 25 anni di “101”

Good evening Pasadena!” era il 18 giugno del 1988 e i Depeche Mode si esibivano nell’ormai leggendario Rose Bowl di Pasadena in California, davanti a 70.000 spettatori.
Il 101° show del Music For The Masses Tour, divenne il primo album live dei Depeche Mode dal titolo “101” che fu pubblicato nell’89, stesso anno di rilascio dell’omonimo VHS con un film documentario + l’esibizione live della band, sotto la direzione di D.A.Pennebaker.

Nel 2003 vede la luce il doppio DVD con il film documentario, l’esibizione live con l’aggiunta di Pleasure Little Treasure e Somebody (brani non inclusi nel precedente VHS) e un extra contenente il video live di Everything Counts, un’intervista ai fan, alla band, a Johnathan Kessler e a Daniel Miller.

Riguardo il live “101“, nel libro “Stripped“, Dave Gahan ne parla così: «Per me è stata quell’immagine del Rose Bowl. Ad un certo punto, durante la canzone “Never Let Me Down Again”, saltai su uno dei montanti  e vidi un paio di persone fra il pubblico che agitavano le braccia in aria, iniziai a farlo anch’io, e all’improvviso c’erano settantamila persone che facevano la stessa cosa! Ero sopraffatto, sentivo qualcosa tipo le lacrime dentro di me, e il sudore mi scendeva dalla faccia, ma quella era gioia pura! Una sensazione tipo, “Non può andare meglio di così!”.  È stato meraviglioso, il ragazzo di Basildon ce l’aveva fatta

Per i nuovi fan dei Depeche Mode, sappiate che questo disco non può assolutamente mancare nella vostra collezione, e guardando il live vedrete quattro giovani ragazzi impauriti che da li a poco divennero leggenda.

“101” (audio) su Amazon.itiTunes  “101” (il film) su Amazon.it

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.


Coreografie per le date italiane del Delta Machine Tour

blog

Depeche Mode e Dintorni e Violator dot it,  in occasione delle due date estive del Delta Machine Tour dei Depeche Mode, si uniscono in una collaborazione molto importante e simbolica, una vera e propria tradizione per molti fans italiani del mitico trio di Basildon.

Infatti, durante la data del 18 luglio a Milano e quella del 20 a Roma, tutti voi (se lo vorrete) sarete parte fondamentale di una coreografia da noi elaborata.

La coreografia consiste nell’esposizione di cartelli in A4 con una frase che siamo sicuri sarà di vostro gradimento, come speriamo anche per Martin, Dave e Andy.

Queste due date italiane saranno qualcosa di magico, indescrivibile e indimenticale, che ci farà sentire tutti uniti come non mai, e questa coreografia sarà la cornice perfetta della serata.

Non possiamo svelarvi altro per ora, se non che i cartelli verranno distribuiti una volta all’interno dello stadio.

La richiesta che alcuni ci hanno fatto, riguardo la coreografia per tribuna e curva, è stata accolta molto volentieri.
Quindi, per tutti i settori (sia Milano che Roma), si potrà accendere la luce del cellulare (alzandolo in alto ovviamente) durante Enjoy The Silence.

MILANO SAN SIRO: VALE PER TUTTI GLI ANELLI NUMERATI ROSSO, VERDE, BLU, I LATERALI E IL PRATO.
ROMA STADIO OLIMPICO: VALE PER TUTTI QUELLI CHE HANNO TRIBUNA MONTE MARIO NUMERATA, DISTINTI NORD E SUD OVEST NUMERATA, CURVA NORD E SUD NUMERATA , CURVA NORD E SUD LATERALE NUMERATA E PRATO.

Seguite l’evento su facebook e spargete la voce!! www.facebook.com/events/349364145191628

Noi non stiamo più nella pelle! E voi?

_________________________________________________________________________

We are pleased to announce that Depeche Mode e Dintorni and Violator dot it are going to join in a very important and simbolic effort, in view of the Depeche Mode two italian summer gigs of Delta Machine Tour.
Actually, on the 18th and 20th of July concerts (in Milan and Rome, respectively) all of you could be a fundamental part of a choreography we’re working out.

It consists in showing all together an A4 board, with a line we are sure you all are going to like, and we hope Martin, Dave and Andy will enjoy too.

We really hope these two italian concerts will be something magical and unforgettable and that the choreography will be a perfect frame containing all our common joy to be there!

We cannot disclose anything now, but that the boards will be handed out at the stadium.

We can hardly wait to be there! And what about you?