Italian Blog

Esce oggi l’album ‘Enjoy My Wrong Shoes’ di Didascalis – ascoltalo in anteprima

a0890077746_10

Metti una sera al tramonto, in riva al mare, mentre la brezza accarezza la pelle, accompagnati da un buon cocktail e il lounge/chillout di Didascalis.
L’album “Enjoy My Wrong Shoes“, disponibile da oggi su iTunes e Amazon, è si un omaggio a leggendari Depeche Mode, ma anche un modo di riproporre i brani in una versione completamente inaspettata, per chi è abituato alle solite cover, creando un’interessante intreccio di sonorità accattivanti.
La visione che si ha ascoltando brani celeberrimi come “Enjoy The Silence” piuttosto che “Walking In My Shoes“, per esempio, viene completamente stravolta, in modo alquanto gradevole, dall’abituale atmosfera che si crea ascoltando i brani nella loro versione più classica.

It Doesn’t Matter Two (feat. gioncos): di quel retrò elegante e misterioso, dove piano e violoncello incorniciano in modo Leonardesco la voce del singer Davide Marani.
My Secret Garden: un cocktail di deep-house, con un solo jazzy di pianoforte, ed un interludio di voci e strumenti orientali, come a voler davvero richiamare un giardino, nascosto da qualche parte.
It’s Called A Heart feat. Andy G: swing, swing e ancora swing. Tromba, contrabbasso e pianoforte quale paradisiaca unione migliore di questa per le mie orecchie. Un inedito scritto e composto da Martin L. Gore datato 1985, che con Didascalis lascia le vesti synth pop e indossa quelle jazz.
Leave In Silence: la sensualità del sax soprano di Valentino Bianchi domina il brano in modo molto piacevole; “magical lotion”
Springtime: unico inedito contenuto nell’album e interamente scritto da Davide Marani alias Didascalis. Il brano è datato 2004, e fino ad ora non era ancora mai stato pubblicato.
Stories Of Old: un brano sottovalutato e mai eseguito dal vivo. Qui l’etereo dei synths richiamano quasi un tuffo a mezzanotte in una di quelle piscine illuminate, trasportati dal testo scandito più del solito
Walking In My Shoes: la si trova in due versioni: una più fedele alla stesura originale con una sapore che richiama volutamente (come dice Davide) il duo francese degli AiR, mentre una seconda diventa quasi una sorta di remix, totalmente stravolta negli accordi. Ospite in entrambe le versioni Mauro Mosciatti (cantante della coverband Devotees, ma qui alla chitarra elettrica).
Wrong: singolo trainante dell’intero lavoro e si potrebbe dire il ‘gemello buono’ dei due, rispetto alla versione originale… ammorbidita e arricchita da Andy G alla tromba, in uno stile elettro-bossa-nova che non ha nulla di scontato
It’s No Good: qui il gioco è stato nell’arricchire di armonie ed accordi quello che, per essere un ‘anthem’ dei DM, è composto da soli 3 accordi, facendone uscire quasi un brano nuovo.

Enjoy My Wrong Shoes“: prodotto, arrangiato, suonato, cantato e concepito da Davide Marani.
In questo album hanno collaborato:
Valentino Bianchi sax soprano
Francesca ‘Frensy’ Castorri vocals e backing vocals
Gionata Costa violoncello
Andrea ‘Andy G’ Guerrini trumpet, muted trumpet e brass section
Mauro Mosciatti chitarra elettrica
Artwork & photos a cura di Marco Leonardi

www.facebook.com/davidemaraniofficial
www.facebook.com/didascalis

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.

Una Risposta

  1. Pingback: Davide Marani: ‘un legame molto speciale con i Depeche Mode’ | Depeche Mode e dintorni

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...