Italian Blog

Archivio per febbraio, 2014

Vuoi incontrare di persona i Depeche Mode a Bologna? Stai sintonizzato

E’ un’occasione rara, anzi rarissima, quella che Rockol offre a tutti i fan italiani dei Depeche Mode, in questi giorni impegnati sui palchi italiani: incontrare di persona Dave Gahan e soci. Grazie a Live Nation Italia, la band ha acconsentito ad organizzare un meet and greet con una selezionatissima porzione di spettatori che interverrà a loro concerto previsto a Bologna per il prossimo sabato, 22 febbraio. Avvicinarli, stringere loro la mano: grazie a Rockol, due ammiratori della band britannica verranno ammessi nel backstage dello show nel capoluogo emiliano.

Come riuscirci? E’ molto semplice: nel corso dei prossimi giorni Rockol, senza preavviso, pubblicherà una notizia con le modalità per aderire all’iniziativa. Verrà premiata la tempestività: l’accesso al meet and greet verrà infatti concesso ai due fan più veloci nel rispondere. Attenzione: in sede di adesione sarà necessario allegare una foto o scansione del vostro biglietto per il concerto (o del voucher rilasciato dall’agenzia di prevendita) – quindi teneteli pronti. Si vince solo l’incontro con la band, non il biglietto del concerto. I più veloci a rispondere, in ordine di arrivo della segnalazione, saranno contattati per un esclusivissimo rendez-vous dietro le quinte con le leggende del synth-pop.

http://www.rockol.it

http://www.facebook.com/rockol

http://www.livenation.it

http://www.facebook.com/livenationit


Depeche Mode in Italia: ecco le nostre coreografie/flash mob!

Mancano pochissimi giorni al ritorno dei Depeche Mode in Italia!
Tre le date in agenda: Torino (18/02/14), Milano (20/02/14) e Bologna (22/02/14).

Come per i due live di Milano e Roma, abbiamo pensato a due coreografie/flash mob che richiederanno la partecipazione di tutti voi. Sarà l’occasione per manifestare, di persona, tutta la vostra devozione e ringraziare i Depeche Mode per queste 5 date italiane a dir poco stupefacenti! Quindi impegnatevi al massimo, se volete che la cosa riesca bene 🙂

PRIMA COREOGRAFIA/FLASH MOB:
La prima coreografie/flash mob consiste nell’uso delle luci led dei vostri cellulari o, meglio ancora, di mini torce che potete acquistare online o presso i negozi cinesi a poco prezzo. Vi segnaliamo due link: mini torcia lampada con moschettone e Torcia a dinamo portatile con 3 Led decidete voi come meglio credete.
Questa coreografia va fatta durante il PRIMO ENCORE (BIS), solitamente eseguito da Martin nelle date di:

TORINO PALAOLIMPICO (PARTERRE EARLY ENTRANCE – PARTERRE IN PIEDI – I ANELLO NUMERATO – SECONDO ANELLO FRONTALE NUMERATO – SECONDO ANELLO NON NUMERATO – I ANELLO NUMERATO VISIONE LATERALE – I ANELLO NUMERATO RETRO PALCO)

MILANO MEDIOLANUM FORUM (TRIBUNA GOLD NUMERATA – PARTERRE EARLY ENTRANCE – PARTERRE IN PIEDI – ANELLO B NUMERATO – ANELLO C NUMERATO – ANELLO C NUMERATO VISIONE LIMITATA – ANELLO B NUMERATO VISIONE LIMITATA LATO PALCO – ANELLO C NUMERATO VISIONE LIMITATA LATO PALCO)

BOLOGNA UNIPOL ARENA (PARTERRE EARLY ENTRANCE – PARTERRE POSTO IN PIEDI – GRADINATA NUMERATA – GRADINATA NUMERATA VISTA LATERALE)

È ASSOLUTAMENTE NECESSARIO SPARGERE LA VOCE quanto più potete a partire DA ORA! Fate ‘passa parola’ anche la sera del concerto!!

SECONDA COREOGRAFIA/FLASH MOB:
La seconda coreografie/flash mob riguarda l’utilizzo di cartelli in A4 che abbiamo già stampato (200 copie pronte). I cartelli verranno distribuiti all’interno dell’arena in zona parterre. e dovranno essere esposti DURANTE “SHOULD BE HIGHER”.  Non vi possiamo svelare cosa c’è scritto sui cartelli, lo scoprirete quando vi verranno consegnati.
Questa coreografie/flash mob INTERESSERÀ SOLO LA DATA DI BOLOGNA.

Ma non finisce qui!

Da un’idea di piedibagnati, nostro fan su facebook,  mettiamo a disposizione un file immagine, da lui elaborato,  che potrete stampare sulle vostre t-shirt, felpe o canottiere (fate voi insomma 🙂 ). La stampa dovrà essere frontale e bianca, mentre la base (quindi la maglietta) rigorosamente nera! Clicca QUI per scaricare il file. 

Seguite l’evento su facebook www.facebook.com/events/206264302915156

Vi ricordiamo il nostro sondaggio Quali brani vorresti nella prossima setlist italiana del Delta Machine Tour?


Dai Crosses ai Muse e i Killers: 10 gruppi ispirati dai Depeche Mode

Coldplay, Hurts e perfino i Rammstein

Muse. Nel periodo di Black Holes And Revelations, in molti hanno notato la somiglianza fra “Map of the Problematique” ed “Enjoy the Silence”. Quando gli hanno chiesto dei Depeche Mode, Matt Bellamy ha risposto: «Posso capire l’accostamento, perché sono una band che non si è mai inserita perfettamente nella musica del proprio tempo. Erano particolari, avevano uno stile e un sound unici. Li rispetto moltissimo.»

 


Hurts. Con la fusione di elettropop e parecchi elementi drammatici, il parallelo fra i Depeche Mode e gli Hurts è evidente. Adam Anderson una volta ha dichiarato a MTV: «Credo che siano stati i Depeche Mode a influenzare maggiormente la nostra musica. Le sonorità in un determinato periodo della loro carriera ci hanno dato grandissima ispirazione.»

Killers. Entrambi i gruppi hanno un amore inesauribile per i palesi ritornelli elettropop. Brandon Flowers ha perfino dichiarato a Entertainment Weekly che Songs of Faith and Devotion è stato il primo album da lui comprato, commentando: «Ero un fan della primissima ora dei Depeche Mode, non sapevo fino a che livelli di oscurità potessero spingersi, e non sapevo se mi sarebbe piaciuto. Però comprai l’album in cassetta per 5 dollari, credo, da Flying J, ed è ancora uno dei miei preferiti. In seguito abbiamo anche lavorato con Flood, che ha prodotto Songs, per il nostro album Sam’s Town

 

Crosses. Un fan inaspettato del pop anni ’80, Chino Moreno, il cantante dei Deftones, di recente ha rivelato che il brano “1987” del side-project Crosses riguarda l’anno in cui sua sorella gli diede una cassetta dei Depeche Mode, aggiungendo: «Mi piaceva tanta musica come quella dei Depeche Mode, poi la mia concezione della musica è cambiata. Per me i Depeche Mode erano fantastici. Avevano tante drum-machine, tanti suoni simili all’hip-hop, però c’erano anche molte melodie, atmosfere e tonalità dark.»

 

Arcade Fire. Gli eroi indie canadesi amano i Depeche Mode. In un’intervista a Time Out dell’anno scorso, il cantante Win Butler ha dichiarato: «Alle superiori, quando sentivo i New Order, i Depeche Mode o un gruppo che mi piaceva, saltavo in piedi. L’idea di ballare su musica house scadente è una cosa che non ho mai potuto sopportare.»

 

Coldplay. Esiste un video alternativo di “Viva La Vida” dei Coldplay girato nei Paesi Bassi dal leggendario Anton Corbijn come tributo al suo video di “Enjoy the Silence” dei Depeche Mode.

 


Nine Inch Nails: Trent Reznor ammette che è stato il goth-pop meccanico dei Depeche Mode e degli Human League a ispirarlo inizialmente a fare musica.

Linkin Park. Mike Shinoda e Chester Bennington hanno parlato spesso del loro amore per i Depeche Mode, ma una volta Bennington ha dichiarato: «Seguendo l’istinto direi che sono stati i Beatles e poi i Depeche Mode a influenzarmi costantemente su come credo debba essere la qualità della musica.»

 

Rammstein. Sì, davvero. Il perverso gruppo metal tedesco, piromane e amante del porno, adora i Depeche Mode, come il resto d’Europa. Il chitarrista Richard Kruspe ha dichiarato che da giovane è stato influenzato da «il metal da un lato e il pop dall’altro. Avevo paura di dire ai miei amici che ascoltavo i Depeche Mode. Amavo quel gruppo, le loro melodie. È per questo che nella musica dei Rammstein si sentono tante melodie. Personalmente, credo siano i Depeche Mode la band che è riuscita al meglio a rinnovarsi. Se seguite la loro carriera, è fantastica.»

 

Lady Gaga. Anche se è una fan dell’ultima ora dei Depeche Mode, nel 2010 Lady Gaga ha dichiarato a QMS Radio: «Passavo letteralmente delle ore tutti i giorni a guardare su YouTube cosa scriveva la gente su di me, a leggere i commenti e così via. E sono rimasta molto stupita nel notare che molti fan dei Depeche Mode erano anche fan di Lady Gaga. Non sapevo dell’esistenza di questo gruppo finché non ho visto un mash-up di “Paparazzi” e “Just Can’t Get Enough”. Consiglio a tutti di ascoltare i Depeche Mode, sono davvero sottovalutati.» Grazie della dritta, Gaga.

Fonte: www.gigwise.com
Traduzione a cura di Barbara Salardi per Depeche Mode e Dintorni

 

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.