Italian Blog

Archivio per marzo, 2014

I Depeche Mode in nomination agli ECHO Awards 2014

depeche mode echo awards 2014

Depeche Mode nominati nella categoria “Album dell’Anno” con Delta Machine e “Miglior Gruppo Rock/Pop Internazionale” agli ECHO Awards 2014. La cerimonia si svolgerà questa sera a Berlino. L’evento sarà trasmesso in diretta sul canale televisivo tedesco “Arbeitsgemeinschaft der Rundfunkanstalten Deutschlands” meglio conosciuto come ARD. Diretta streaming dalle ore 20:15 (italiane) su http://live.daserste.de/int/index.html#programm

I Depeche Mode si sono esibiti agli ECHO Awards il 21 marzo 2013 con il brano Heaven.

 

 

Aggiornamento del 27.03.14 ore: 23:12

E “Miglior Gruppo Rock/Pop Internazionale” sia!!
I Depeche Mode vincono agli ECHO Awards 2014 come migliore band internazionale! Complimenti!!
http://www.echopop.de/pop-gewinner

 


“Night/Day” secondo Diseases Of The South

“NightDay” secondo Diseases Of The South

Dopo aver pubblicato quattro EP durante il 2013, Ryan Holiday, nome d’arte Diseases Of The South, esce, nel mese di febbraio, con un doppio album dal titolo “Night/Day”, un’istantanea di 24 ore della vita moderna di periferia.
“Night/Day” parla delle scelte stressanti della vita, l’insonnia, il dubbio di sé e la depressione che ruota attorno a una famiglia di periferia.
Il lato “Night” dell’album, una raccolta di otto pezzi, si presenta come un’unica track della durata di 35 minuti. I pezzi sono brevi, ambient e a volte un po’ inquietanti.

“Night” è sicuramente l’antitesi di “Day”. Dalla sveglia straziante di “Good Morning”, alla ripetitiva routine quotidiana di “Oddly Meditative”, “Day” esplora la tensione nel cercare di mantenere il controllo di sé.
Ci sono progressioni di accordi che si replicano in “Night” come in “Day”, legando gli album in un concetto, in modo non diverso dai movimenti in un’opera classica.

“Night” segue la scia di artisti come Brian Eno, Tim Hecker e “Laughing Stock” dei Talk Talk.
“Day” ha un suono più vivace, più simile all’art-rock di David Bowie, Peter Gabriel e St Vincent, integrando inebriante musica elettronica simile a Moderat, Underworld e Radiohead.

Chi è Ryan Holiday in arte Diseases Of The South: Città natale e posizione attuale Philadelphia. Musician-dj hybrid: prerecorded loops, live vocal layering, live sound manipulation, live remixing.
Influenze musciali: Bowie, Kraftwerk, Radiohead epoca “Kid A”, Neu!, Neubauten, LCD Soundsystem, Gorillaz, Massive Attack.

Diseases Of The South ha anche inciso una versione molto personale dell’album Music For The Masses dei Depeche Mode. Pensate che Ryan ha decostruito tutti i pezzi e li ha rielaborati con arrangiamenti che si rifanno all’elettronica e a quello che è poi la natura dei Depeche Mode ma in chiave DOTS.
Attualmente M4TM versione Diseases Of The South non è online ma lo sarà a breve. Noi lo abbiamo ascoltato in anteprima e… beh ci ha davvero colpiti!

diseasesofthesouth.bandcamp.com
facebook.com/Diseasesofthesouth
diseasesofthesouth.tumblr.com
twitter.com/MrRyanHoliday



  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.


‘God-Forced’ il nuovo video/single di Protafield

“May the ‘God-Forced‘ be with you!”

Ha impattato la Terra lo scorso 24 febbraio, il singolo di debutto dal titolo “God-Forced” che ci catapulta violentemente nel mondo industrial targato Protafield.

Con il singolo arriva anche il video diretto da Mike Barnes, che ritrae i quattro musicisti in un’atmosfera oscura, in un edificio lurido e sinistro.
Nel video compare la mente di tutto, Jayce Lewis (voce) indossa Sinstar Clothing, dallo sguardo inquietante e minaccioso mentre percorre il corridoio di un sotterraneo semibuio, seguito dalle insane espressioni di Jack Slade (Batteria) dalla notevole agilità con le bacchette, il magnetico Martin Thompson (Basso) qui in versione quasi vampiresca e Marc James (Chitarra) detto ‘the Thing‘.

“God-Forced”, il primo singolo estratto dall’album “Nemesis” che uscirà entro l’anno, è disponibile in versione MP3 su iTunes e per chi risiede nel Regno Unito anche su Amazon.co.uk 

Protafield ha anche confermato alcune date del tour nei festival Sonisphere, Alt-Fest, Forever Sun Festival e Red Fest. Prossimamente saranno annunciate le date che interesseranno il resto d’Europa.

www.protafield.com
www.facebook.com/Protafield
twitter.com/Protafield

jaycelewisitalia.bandpage.com
www.facebook.com/JayceLewisItalia
twitter.com/JayceLewis_it

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.


Hublot Time Out Depeche Mode Part 2

hublot timeout depeche mode

Uno dei gruppi più influenti degli ultimi trent’anni, i Depeche Mode continuano a fare sold out negli stadi e nelle arene di tutto il mondo.

Hublot ha seguito la band in tour per qualche giorno nell’ambito della collaborazione fra Hublot e Depeche Mode per charity: water.

L’esperienza di charity: water

Martin Gore: «Un giorno sono andato alla festa di compleanno di un mio amico e ho conosciuto una persona che lavorava per charity: water. Era in procinto di partire per un viaggio di ricerca sul campo in Etiopia con Scott. Devo confessare che in quel periodo non avevo mai sentito parlare di charity: water, ma il modo in cui questa persona ha descritto la loro attività mi ha affascinato molto e mi è sembrato fantastico.»

Scott Harrison: «800 milioni di persone non hanno acqua pulita. Non riesco neppure a immaginarmi questo numero, figuriamoci tutte le persone che non hanno acqua. Perciò ho voluto dare un volto e un nome a questa gente e capire davvero cosa significhi vivere senza acqua pulita. Io sono nato a Philadelphia, non ho mai dovuto pensare di bere acqua sporca. Per i miei amici la crisi idrica era dover pagare dieci dollari una bottiglia d’acqua San Pellegrino in un club. Questa è la situazione nel mondo. Un ragazzo di quindici anni, Jean Bosco, beve da una palude nel suo villaggio. Esistono molti modi per portare acqua pulita. Può essere un pozzo scavato a mano, come in Liberia, oppure un pozzo trivellato, la raccolta dell’acqua piovana, o convogliando acqua dalle sorgenti, dagli stagni o tramite filtri a sabbia. Il modo più economico per contribuire può essere un filtro da 65 dollari. Nel nostro programma in Cambogia le falde acquifere contengono molto arsenico, ma possiamo prendere l’acqua di superficie e pulirla.»

Martin Gore: «Dopo la festa sono andato subito a casa e ho cercato charity: water su Google. Ho sentito di dover partecipare in qualche modo, li ho contattati e da allora collaboro con loro.»

Jonathan Kessler: «Siamo qui nel backstage e ci troviamo nell’ufficio che si chiama JK, è la direzione. E qui abbiamo Alex, non so bene cosa stia facendo ma forse lavora. Ora vi accompagno e vi passo a Ginny, che si occupa della stampa e delle pubbliche relazioni e vi porterà di sotto al palcoscenico, vi farà vedere il backstage e vi presenterà alcune persone che lavorano per noi.»

Ginny Song: «Salve, sono Ginny. Mi occupo della stampa e della pubblicità durante il tour e lavoro per Kessler. Seguitemi, vi porto al palcoscenico.»

«Siamo dentro alla Ziggo Dome di Amsterdam. Questo è Shawn Saucier, lo stage manager dei Depeche Mode.»

Shawn Saucier: «Benvenuti nel lato sinistro del backstage dei Depeche Mode. Questa è l’area per il cambio veloce. Qui abbiamo Pro Tools, è la zona dove il nostro programmatore si occupa degli effetti sonori extra che non vedete o sentite eseguire sul palco. Dopo Pro Tools, abbiamo la zona monitor. Questa console è una Midas XL8. Poi arriviamo sul lato destro, abbiamo la zona chitarre e batteria. Qui accordiamo e cambiamo le corde alle chitarre. Questa è la zona luci. Durante il concerto si vede la griglia delle luci che si alza e si abbassa, ed è tutto azionato da questo sistema che si chiama Kinesys. Qui controlliamo le luci, lo chiamiamo “demo world”. Questo invece è il “video village”, il regista e il suo staff creano gli effetti visivi del concerto. In pratica è tutto fatto dal vivo, a parte alcuni materiali che ci ha dato Anton Corbijn. Questo è Antony King, il nostro responsabile del mixaggio per il pubblico, ed è grazie a lui se tutto è perfetto.»

Antony King: «Ho la fantastica Midas XL8, la console con la quale creiamo i suoni. In sostanza, i suoni che sentite quando venite al concerto, provengono da qui.»

www.charitywater.org
www.hublot.com
Traduzione a cura di Barbara Salardi per Depeche Mode e Dintorni

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.


Hublot Time Out Depeche Mode Part 1

hublot timeout depeche mode

Uno dei gruppi più influenti degli ultimi trent’anni, i Depeche Mode continuano a fare sold out negli stadi e nelle arene di tutto il mondo.

Hublot ha seguito la band in tour per qualche giorno nell’ambito della collaborazione fra Hublot e Depeche Mode per charity: water.

Martin Gore: «Siamo un band molto fortunata, ovunque andiamo il pubblico è strepitoso. Abbiamo un’affinità con il pubblico tedesco e questo vale anche per i paesi dell’ex blocco orientale. Non so cosa sia, ma c’è qualcosa nella nostra musica che attrae queste persone in modo particolare. Ma anche quando andiamo nei paesi mediterranei, in Spagna o in Italia, o nei paesi del Sudamerica, il pubblico è ugualmente favoloso.»

Jonathan Kessler: «Le previsioni per il concerto di stasera sono fantastiche. Siamo a Oberhausen, per noi la Germania è speciale. Abbiamo fatto parecchi concerti durante l’estate, otto stadi. Adesso faremo circa dieci arene. Per noi la Germania è certamente un luogo speciale ed è un piacere trovarci qui.»

Martin Gore: «Un giorno io e Peter siamo andati a fare shopping a Praga e abbiamo visto un negozio di Hublot. Dato che ci piace Hublot siamo andati a vedere. C’era la porta principale aperta, siamo entrati e tutti sono stati molto cordiali con noi. In realtà il negozio non era neppure aperto, era prevista l’apertura entro qualche giorno. Monsieur Biver era sul retro a rilasciare interviste e quando il personale ha capito chi eravamo ci ha presentato al signor Biver e lui mi ha dato un biglietto da visita.»

Jean-Claude Biver: «Teenage Cancer Trust è stato fenomenale, un’esperienza emozionante. Quando Martin e Jonathan mi hanno detto che avremmo aiutato questo ente di beneficenza abbiamo accettato subito e abbiamo profuso molte energie per raccogliere fondi a sufficienza. Insieme abbiamo raccolto circa 620.000 dollari.»

«Credo che il lusso comporti la responsabilità di dare qualcosa in cambio. È per questo che negli ultimi sei-sette anni abbiamo costantemente dato il nostro contributo a iniziative di beneficenza in diversi programmi.»

«L’acqua è vita. Se non c’è acqua, non c’è vita. È così. Ci sono tante persone e tanti bambini nel mondo che non hanno acqua o non hanno acqua pulita. Perciò, quando a Martin è venuta l’idea di aiutare charity: water abbiamo accettato subito perché, ancora una volta, ci siamo chiesti chi stiamo aiutando. Aiutiamo soprattutto i bambini. Chi soffre di più per la mancanza d’acqua? Gli adulti, naturalmente, ma in particolar modo i bambini.»

www.charitywater.org
www.hublot.com
Traduzione a cura di Barbara Salardi per Depeche Mode e Dintorni

 

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.


Recensione: Depeche Mode Bologna 22.02.14

Foto © Everwake Rangel

Foto © Everwake Rangel

A differenza della data romana dello scorso luglio, per il live in Bologna del Delta Machine Tour ho deciso di scrivere un piccolo resoconto della serata e di altri momenti indimenticabili.

Sono tornata martedì sera da un viaggio con la devota Sonia in modalità Thelma & Louise. Roma Bologna – Bologna Roma. Ho avuto l’onore di trascorrere un’ora con i Depeche Mode, la sera prima del concerto, in una saletta blindatissima del Baglioni di Bologna. Loro  avevano appena cenato ed erano in fase relax, eccetto Kessler che stava ancora gustando un piatto di pasta. Tutti molto carini, gentili e per nulla infastiditi della mia presenza e da quella di altre quattro persone, era palese che eravamo li per loro. Dave era barricato in palestra, Martin passato velocemente, ha scambiato due parole con Andy e  ha detto: “ci vediamo dopo” ma non è più tornato.

BhXaR9dCMAAyyuu.jpg largeA un certo punto sento il bisogno impellente di dover fumare una sigaretta, scendo con un’altra ragazza in saletta fumatori e dopo pochi secondi ci raggiunge Fletch e… WOW io e Andy stavamo ciccando nello stesso posacenere! Surreale! Ci ritroviamo così a scambiare quattro chiacchiere “di dove siete” “come state” etc e ci lascia dopo aver spento la sua Marlboro a metà, nel frattempo ci ha raggiunti anche Eigner.

Risaliamo le scale e torniamo al nostro tavolo con molta calma e disinvoltura, anche se dentro di me ero tipo Bella in Breaking Dawn I, la scena in cui lotta tra la vita e la morte prima della trasformazione per intenderci meglio. Peter era andato via e anche Christian stava andando. Dave ormai in camera, la porta della palestra era spalancata.

Prima di andare mi fermo ancora qualche minuto nella hall dell’albergo con una mia cara amica ed ecco di nuovo lo zio con le sue adidas rosse che, quasi saltellando e scuotendo le braccione, viene verso di noi, farfuglia qualcosa, ci guarda, sorride e, mentre si dirige verso l’ascensore, “see you!” e noi come ‘Alice in Wonderland’ “bye!”. Beh non mi era mai capitato prima d’ora un incontro così… sempre di sfuggita e in varie occasioni.

Torno nel mio albergo con Francesca e Sonia, puntiamo la sveglia alle 04:00. Finalmente riesco a prendere sonno dopo un’ora di tarantella sul letto e la pioggia incessante contro la finestra. Ore 04:00 suona la sveglia ma noi ci giriamo simultaneamente dall’altra parte e riprendiamo a ronfare come se non ci fosse un domani. Per fortuna che la strategica Sonia aveva puntato una seconda sveglia alle ore 05:00 così ci alziamo, doccione, ciambella di cartone acquistata la sera prima sotto ‘La torre degli Asinelli’ e partiamo verso Casalecchio di Reno. Arriviamo alle 07:47, OLYMPUS DIGITAL CAMERApiccola sosta per foto di rito agli Stage Truck, parcheggio macchina all’IKEA, tocchiamo finalmente la meta ossia il gate n° 6, prima di noi solo 11 persone, un paio li dal giorno prima, il gate 7 un deserto. Pomeriggio volato via quasi in un attimo, insieme a tanta gente carinissima, alcuni incontrati anche a Roma, con altri già in contatto sui vari social networks.

Ore 18:30 mi ritrovo magicamente in posizione numero 2, inizio a correre: 1a sosta controllo biglietto, 2a sosta controllo borsa e poi “corri Forrest corri!”.  Sono dentro: lato Martin troppa gente, io nana e mezza cecata. Lato Fletch perfetto, transenna EVVAI!! Dietro di me c’erano alcuni Early Entrance.

Mi siedo a terra e qualcuno dietro di me “… si, le ho scritto un commento su Depeche Mode e Dintorni…” così, felicemente incuriosita, mi volto e vedo una graziosa fanciulla che mi lancia uno sguardo del tipo “azzo hai da guardare?”.  Poco dopo, chiacchierando, scopro che la fanciulla si chiama Sofia Bruni 13 anni, nostra fan su facebook con una cultura Depeche che lascerebbe a bocca aperta persino i Depeche stessi e svezzata a pane e Strangelove, al suo primo concerto in compagnia di sua madre Giulia e suo padre Giuseppe, devoti di vecchia data. A fine concerto ho chiesto a Sofia cosa avesse provato durante NLMDA e mi ha confessato “Un’emozione unica e ho pensato che volevo che il tempo si fermasse, e per la prima volta ( insieme Angel, Heaven e a Enjoy The Silence) ho avuto i brividi e ho pianto. E poi ovviamente l’emozione massima e avvenuta durante Policy Of Truth, che rimarrà per sempre la mia canzone preferita”.

Soprassediamo sul gruppo spalla. Inizio a distribuire i fogli per la coreografia, mollo mazzette da 20 a destra, altre mazzette a sinistra. 200 fogli distribuiti in pochi minuti e grazie alla collaborazione di Sonia, Sofia e di altri gentilissimi devoti.

Ecco, si spengono le luci OMG ci siamo parte la intro, Welcome to My World e poi Angel, cuore a mille e salivazione azzerata.  Walking in My Shoes, Precious, Black Celebration e sto già grondando di sudore, non riesco a star ferma ma sopratutto a star zitta.  Arriva finalmente In Your Room 200 cartelli in alto e sparsi per tutta l’arena, un bel blocco nel lato Fletch, altri sulla punta della passerella, alcuni addirittura lato Martin.  Momento magico! Anche questa volta la coreografia ha catturato l’attenzione di Dave che, dopo aver letto i cartelli, sorride e viene in passerella per ringraziare (nel video qui sotto dal minuto 3:59). La voce di Dave, l’effetto visivo dei cartelli, le note di IYR mi mandano completamente in estasi.

Dopo Policy of Truth, Dave cede lo scettro a Martin per una breve pausa che dura giusto il tempo di una morbida Slow e una sognante Blue Dress. Torna Dave e si riparte con Heaven , Behind the Wheel, A Pain That I’m Used To e l’Arena si infiamma.

A Question of Time, Enjoy The Silence, Personal Jesus tutti in delirio con Dave che è un Dio sceso in terra! Pausa e poi encore: riparte Martin con Judas, che ogni volta mi riporta al lontano 93, il mio primo concerto dei Depeche Mode al Palaeur di Roma. Perfetto Martin, inginocchiato in passerella ci regala vibrazioni infinite “So open yourself for me, risk your health for me, if you want my love…”. Halo il mio viaggio mentale e il remix di Goldfrapp è uno dei pochi che ascolto volentieri. Just Can’t Get Enough, I Feel You e il gran finale Never Let Me Down Again per chiudere la serata e il tour, perchè per noi italiani il Delta Machine Tour si è concluso Sabato scorso con il magone e la domanda “e adesso, fra quanto li rivedremo?”

Ho avuto l’impressione che Dave fosse un tantino stanco (comprensibile dopo quasi un anno di tour in giro per il mondo) tuttavia non ci ha fatto mancare nulla, dalla sua impeccabile performance canora, alle sue piroette, al suo “giocare” allo strip man. Gahan è arrivato in arena, è sceso dal mini van ed è salito di corsa sul palco; la stessa scena si è ripetuta a fine spettacolo, quando tutto sudato e a petto nudo, ci ha salutati e di corsa in macchina, direzione albergo.
Brani come Heaven, In Your Room, I Feel You, Never Let Me Down Again hanno fatto tremare la Unipol Arena, e noi occhi e orecchie spalancati, braccia in alto e cuori impazziti, abbiamo toccato la fede con mano.
The King ha fatto centro ancora una volta. Uno dei più grandi frontman di tutti i tempi, che non ha bisogno di un palcoscenico stile astronave per fare spettacolo, ha lasciato un altro segno sulla mia pelle, come una scarificazione indelebile.

Martin è il raggio di sole in una rigida giornata invernale.
Ricordo i primi live dei Depeche quando Gore stentava movimenti di bacino, timido e impacciato. Ora una delle cose che ammiro e che caratterizza quell’uomo è proprio questa sua timidezza che, unita a 30 anni di carriera e al successo mondiale, fanno di Martin una persona unica, di quelle che “han gettato via lo stampo”.
Sabato sera, durante Slow, Blue Dress ma in particolare Judas, Gore ha diretto e purificato le nostre anime, almeno fino ai prossimi 4 anni e non di più!

Fletcher è quello che tutti criticano perchè “non fa nulla, è inutile” ma alla fine tutti osservano incuriositi e anche un po’ inteneriti da quei 2 metri (circa) di anima che si scuote, a suo modo, per incitare il pubblico. Dietro quegli occhiali scuri si nasconde un autentico gentiluomo, un professionista, un uomo che ha lottato, nel periodo più difficile della carriera dei Depeche, per tenere unito il gruppo. Un applauso quindi allo zio Fletch!

La festa devota si è conclusa Domenica, dopo aver augurato buon viaggio ai Depeche Mode e tutti con la stessa speranza nel cuore.
Ringrazio “piedibagnati” per le t-shirt #touchfaith (bellissima idea) e per i video girati Domenica scorsa al Baglioni, li pubblicheremo nei prossimi giorni sulla nostra pagina facebook e YouTube. Ringrazio Sonia D’Atri per aver contribuito alla realizzazione del flash mob, oltre che per la spendida ospitalità e l’indimenticabile viaggio in macchina.

Thank you Depeche Mode and see you next time!!