Italian Blog

video

Dardust: quando la musica neoclassica si unisce a quella elettronica

Quando la musica neoclassica si unisce a quella elettronica nasce “7”, l’album d’esordio di Dardust, un progetto di musica strumentale italiana che unisce le atmosfere minimaliste del pianoforte a quelle avanguardistiche della musica elettronica.

Dardust è un ensemble ideato dal pianista e compositore Dario Faini che, dopo una serie di importanti esperienze internazionali, dona vita a “7”, registrato negli studi Funkhaus di Berlino e curato nel mastering da Francesco Donadello. I 7 brani neoclassici strumentali presenti nell’album, sono impreziositi dal trio d’archi di Carmelo Emanuele Patti, Simone Sitta, Simone Giorgini e dall’elettronica del produttore e polistrumentista Vanni Casagrande.

Palpabile la natura cinematica dei brani che evocano nell’ascoltatore atmosfere quasi surreali, come nel viaggio interstellare di Invisibile ai tuoi occhi o Sunset on M. che si concluderà prossimamente con il video “Enjoy the Light” (diretti da Tiziano Russo).

“7”, su etichetta INRI e in collaborazione con Universal, è disponibile nei seguenti formati:
Fisico
Specialpack CD+LP: http://bit.ly/Dardust7SpecialPack

Digitale
iTunes: http://bit.ly/Dardust7

Streaming
Spotify: http://spoti.fi/1vXjVTn
Deezer: http://bit.ly/1DCSTOK

Info live www.dardust.com

  • © E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.


Ice Bucket Challenge: fan nomina i Depeche Mode – guarda il video –

Ice Bucket Challenge per alcuni solo un tormentone estivo, per altri un ipocrisia a scopo pubblicitario e per altri ancora un modo molto carino di far sentire meno soli i malati di SLA.
L’Ice Bucket Challenge, in italiano “la sfida della secchiata di ghiaccio”, è l’anima di una iniziativa nata al fine di raccogliere fondi per finanziare la ricerca contro la SLA. Chi vuole puo fare una donazione alla ALS Association – organizzazione non profit americana che promuove campagne di sensibilizzazione sulla malattia, oltre a raccogliere fondi per finanziarne la ricerca –

L’ispiratore di questa iniziativa sarebbe Pete Frates, giovane atleta ed ex capitano della squadra di baseball del Boston College colpito dalla SLA, al quale si è aggiunto successivamente l’amico 27enne Corey Griffin, morto annegato al largo della costa di Nantucket, Massachusetts, lo scorso 16 agosto in seguito ad un incidente subacqueo. Era uno dei più attivi promotori dell’Ice Bucket Challenge.

Tra i personaggi noti che si son incastonati cubetti di ghiaccio nel cranio, spicca Vince Clarke, fondatore, primo leader e primo autore delle canzoni dei Depeche Mode, nonchè ex membro della band. Vince, nominato da sua moglie Tracy Hurley Martin, risponde così – guarda il video

Anche Grainne Fletcher, moglie di Andrew, ha accettato la sfida – guarda il video

Ora, lo scopo di questo articolo è quello di spiegare brevemente, per chi non sapesse ancora, cos’è questa cosa delle secchiate di ghiaccio e per rendere noto ai nostri lettori che questa “epidemia” sta colpendo anche i fan della band.

Proprio ieri, infatti, ci è stato segnalato il video del devoto (e nostro amico) Riccardo Depeche Romaldetti che, in modo molto coraggioso, si è lasciato affogare in una potente secchiata d’acqua gelata, passando successivamente il testimone nientemeno che a Dave Gahan, Martin Gore e Andrew Fletcher!

Secondo voi i Depeche accetteranno la sfida?

 

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.

AGGIORNAMENTO DEL 24.08.2014: dalla pagina facebook di Andrew FletcherAndrew accepted The ALS Association #IceBucketChallenge from Grainne. His nominations: Martin L Gore, Mark Crossingham and Matt Cyzer.” – guarda il video


Personal Jesus dei Depeche Mode nella colonna sonora del nuovo NBA 2K15

Personal Jesus dei Depeche Mode nella colonna sonora del nuovo NBA 2K15

Il sito di giochi gamersyde ha appena postato qualche video off-screen di NBA 2K di quest’anno, direttamente da gamescom. Ecco una piccola azione dei Miami Heat e dei San Antonio Spurs.

Insieme al video abbiamo anche la lista completa della colonna sonora, che è stata caricata su Spotify da 2K per il vostro piacere di ascolto. Le canzoni, selezionate da Pharrel Williams, includono gli apprezzamenti di A Tribe Called Quest, Depeche Mode, e ovviamente lo stesso Williams. Leggi la lista sotto:

A Tribe Called Quest “Scenario”
Afrika Bambaataa &Soulsonic Force “Planet Rock”
Basement Jaxx “Hot ‘n Cold”
Black Rebel Motorcycle Club “River Styx”
Busta Rhymes “Dangerous”
Clipse “Grindin'”
Death from Above 1979 “Romantic Rights”
Depeche Mode “Personal Jesus”
Junior “Mama Used to Say”
Lauryn Hill “Doo Wop (That Thing)”
Lorde “Team”
Major Lazer ft. Pharrell Williams “Aerosol Can”
Missy Elliott “On & On”
No Doubt “Spiderwebs”
OneRepublic “Love Runs Out”
Pharrell Williams “Hunter”
Can I Have It Like That”
“How Does It Feel?”
Public Enemy Shut Em Down (Pete Rock Remix)”
Ratatat Seventeen Years”
Red Hot Chili Peppers “Suck My Kiss”
Santigold Creator”
Snoop Dogg Drop It Like It’s Hot”
Strafe “Set It Off”
The Black Keys Everlasting Light”
The Rapture House of Jealous Lovers”
The Strokes Under Cover of Darkness

NBA 2K15 sarà disponibile per PC, PS4, PS3, Xbox One e Xbox 360 dal 7 ottobre (il 10 in Italia). Coloro i quali acquisteranno la versione per PS3 o Xbox 360 potranno godersi il ritorno della modalità crew.

Fonte: www.gameranx.com
Traduzione a cura di Salvatore Matteo Baiamonte per Depeche Mode e Dintorni

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.