Italian Blog

Articoli con tag “depeche mode nuovo album 2012

Dave Gahan parla del prossimo album dei Depeche Mode “siamo pronti a rientrare in studio” – guarda la video intervista

Nella seconda parte della video intervista pubblicata da Rolling Stone, Dave Gahan afferma che i Depeche Mode sono pronti a registrare il nuovo album. La produzione è stata affidata a Ben Hillier ma Dave dice anche che il nuovo album avrà una responsabilità di produzione maggiore e molto più intensificata, rispetto ai loro precedenti LP, e che di questo potrebbe benissimo occuparsene Martin. «Abbiamo circa 20 demo e inizieremo a registrare a fine mese» dice Gahan «E’ un processo molto diverso a quello del passato. Si è circondarti da persone interessanti, si è ispirati da persone che ti invogliano a trasformare le tue canzoni in qualcosa di differente, perchè non c’è nulla di più noioso che andare in studio e, prevedibilmente, sapere già cosa accadrà».


  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo, sia in formato cartaceo sia telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.

La collaborazione di Dave Gahan con i Soulsavers: guarda la video intervista

Rolling Stone ha pubblicato oggi una video intervista a Dave Gahan in cui parla della sua collaborazione con i Soulsavers.

Sappiamo già da giorni dell’imminente uscita del nuovo album dei Soulsavers caratterizzato dall’eccellente collaborazione di Dave Gahan frontman dei Depeche Mode. The light the Dead Sea uscirà il prossimo 21 maggio su etichetta Mute.

‘The Light The Dead See’ track listing:

1. La Ribera
2. In The Morning
3. Longest Day
4. Presence of God
5. Just Try
6. Gone Too Far
7. Point Sur Pt.1
8. Take Me Back Home
9. Bitterman
10. I Can’t Stay
11. Take
12. Tonight

«I Soulsavers sono stati il gruppo spalla dei Depeche Mode per grande parte del tour europeo (TOTU) ed ero loro fan già da anni» dice Gahan «il tempo di parlarne e ci siamo messi subito a scrivere i pezzi. La cosa veramente speciale di tutto questo è stato il fatto di non avere nulla di programmato, nessuno che ci mettesse fretta»

Intervista a cura di Patrick Flanary, video di Eric Helton e Matthew Murphy. Si ringrazia Rolling Stone.

 

 

Questa che segue invece è un intervista apparsa su The Quietus. La redazione tiene a precisare che l’intervista non è completa e che presto verrà pubblicata interamente.

Mentre i DM si preparano ad entrare in studio alla fine di Marzo per registrare il loro tredicesimo album inedito, scopriamo che Martin Gore non è stato l’unico ad aver realizzato qualcosa nel tempo libero. Il cantante Dave Gahan – che vanta alle sue spalle due album da solista – ha recentemente completato il suo ultimo progetto, ovvero una collaborazione con il duo eclettico ed in continua evoluzione, che risponde al nome di Soulsavers.

The light the Dead Sea, presenta dodici vigorose canzoni, che spaziano dal bues, al soul ed arrivano sino al rock. Lo scorso week end, Gahan e Rich Machin dei Soulsavers ci hanno raccontato di questo album e del potente e positivo effetto che questa collaborazione avrà sul futuro dei DM.

«E’ stata un’assoluta e nuova collaborazione per me» ha detto Gahan. «So che alcune canzoni si presenteranno in una veste piuttosto dark, ma devo ammettere che è stata l’esperienza più edificante che abbia mai fatto creando un disco»

Machine e Soulsavers sono stati in tour con i DM nel 2009, ovvero a seguito della realizzazione dell’ultimo disco della band Sounds of the Universe, ed anche se Machine e Gahan hanno subito consolidato un sodalizio artistico, non avevano alcun piano preciso in mente. «E’ stata un’esperienza molto naturale» dice Machine «Non avevamo intenzione di realizzare un disco quando abbiamo iniziato a lavorare insieme. Abbiamo solo pensato che sarebbe stato divertente provare a realizzare qualcosa ed a vedere dove tutto ciò ci avrebbe portato…». Il risultato di questi sforzi ha lasciato ad entrambi un raro e prezioso senso di successo «Non credo di aver mai scritto canzoni migliori di queste, o di aver mai preso parte ad un progetto che mi abbia portato così lontano come musicista e cantate» ha aggiunto Gahan.

The light the Dead Sea, che è stato realizzato negli studi di Londra, New York, Los Angeles, Berlino e Sydney, si presenta come una produzione di alto livello, con ampio spettro dinamico tipico dei passati lavori dei Soulsavers. Ma il suo processo di sviluppo è stato caratterizzato anche da un grande senso di libertà, che ha portato l’esperienza della scrittura ad altissimi livelli. Questa libertà ha permesso a Dave di esplorare il suo animo di artista in un modo completamente nuovo, dopo quasi trentadue anni di carriera. «Mi piace tutto quel parlare di come Dio metta soggezione» ha detto «A me mette a disagio il cercare di accettare che esista qualcosa di più grande di me e la musica mi da sempre la pelle d’oca e mi fa sentire piccolo ed umile».

Con il nuovo album dei Depeche Mode in mente, Dave sa perfettamente che Martin sta probabilmente toccando le vette più alte della sua ispirazione artistica. «C’è un definitivo cambiamento in Martin e riguarda in fatto che ora è entusiasta all’idea di lavorare! Siamo insieme da così tanto tempo e siamo come una famiglia. Possiamo avere i nostri alti e bassi, ma è sempre meraviglioso vedere che c’è entusiasmo all’idea di fare un disco insieme!» Gahan prosegue, dicendo che Martin si sta sempre più riavvicinando alla chitarra come suo primario strumento di compositore. «E’ arrivato con idee meravigliose ed ha realizzato alcune cose veramente forti. Ma, sento che Martin si diverte a suonare dal vivo, che ama suonare la chitarra dal vivo e che ama esibirsi sul palco. Questo elemento sta entrando molto all’interno del lavoro in studio».

per la traduzione si ringrazia Sonia 🙂

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo sia telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.

I Depeche Mode iniziano a lavorare al nuovo LP

Martin Gore rinvigorisce dopo VCMG e del nuovo dei Depeche Mode dice «spero riusciremo a finire tutto il lavoro entro la fine di quest’anno»

«E’ stata una pausa piacevole il fatto di fare qualcosa di completamente differente dal solito lavoro quale lo studio dei testi e le melodie vocali» dice Martin Gore in un intervista redatta da The Quietus dove afferma tra l’altro che lavorare per Ssss di VCMG lo ha rinvigorito.
«Penso di aver approcciato con maggior vigore la scrittura del nuovo album della band, grazie ad una pausa. Mi ha dato un importante impulso creativo.»
«Sono passato contemporaneamente da VCMG alla scrittura del nuovo album dei Depeche Mode. Anche se ho usato le stesse strumentazioni, o gran parte, sono riuscito ad entrare in uno spazio mentale completamente diverso. Le cose che ho fatto per la band sono completamente differenti da VCMG.» aggiunge che la causà di ciò è la sua grande passione per la strumentazione synth.
«A parte il fatto di essere tornato all’attuale songwriting con più energia, bisogna tener presente che sono anche un chitarrista. Per tutto il periodo in cui mi sono dedicato a VCMG, non ho avuto alcun approccio con la chitarra perchè non era in sintonia con lo stile. Solo ora, tornato a scrivere per la band, ho ricominciato a toccare una chitarra, lavorare al pianoforte…»
Gore conclude dicendo che ritorneranno in studio alla fine di marzo e «spero riusciremo a finire tutto il lavoro entro la fine di quest’anno.»

  • E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo sia telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.